Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#IICSEMPRECONTIGO #90 | OGGI CUCINO IO! #09

Data:

20/07/2020


#IICSEMPRECONTIGO #90 | OGGI CUCINO IO! #09

OGGI CUCINO IO!
La cucina italiana a portata di mano

La nona videoricetta del viaggio gastronomico "OGGI CUCINO IO!" sono i Bucatini all'amatriciana preparati dallo chef FABIO CAMPOLI, in esclusiva per l’Istituto Italiano di Cultura di Lisbona.

#09 Nella nona puntata di "Oggi cucino io!" lo chef Fabio Campoli ci mostra come preparare i Bucatini all'amatriciana, una tradizionale ricetta della cucina laziale, un grande classico, un piatto ricco e gustoso, semplice, genuino. Facile e veloce da preparare a base di guanciale, pomodoro e pecorino. Questa pietanza ha origine nella cittadina di Amatrice, in provincia di Rieti, in una versione inizialmente priva della salsa di pomodoro, e chiamata pasta alla gricia. Verso la fine del XVII secolo, grazie all'aggiunta del pomodoro, nasce la vera e propria pasta all'amatriciana, ribattezzata “il piatto delle 5 P”: pasta, pancetta, pomodoro, peperoncino, pecorino. Dove pancetta sta per guanciale, l’ingrediente che più di tutti lo connota e che si ottiene dalla guancia del maiale stagionata e insaporita con un particolare mix di spezie.

Segui il link della videoricetta dei Bucatini all'amatriciana: https://www.youtube.com/watch?v=AioqA-2EfSA

FABIO CAMPOLI

Con oltre trent’anni di esperienza attraverso poliedriche attività incentrate sulla cultura e progettazione gastronomica, ha coniato un modo di fare cucina “semplicemente differente”, sospinto sempre da inesauribile curiosità e sete di conoscenza. Fondatore dell’azienda Azioni Gastronomiche Srl e della testata giornalistica Prodigus, Fabio Campoli è oggi affermato consulente per aziende ed esercizi ristorativi italiani ed esteri, nonché autore e conduttore di programmi televisivi e radiofonici, consulente per l’industria cinematografica e food designer, pluripremiato in ambito culinario e comunicativo.
Con il suo portfolio di esperienze variegate Fabio Campoli dimostra di essere molto più di uno chef, grazie all’ampiezza ed alla ricchezza del suo percorso di cultura nel mondo dei media, del project management,dell’editoria, che rendono oggi la sua firma sinonimo di classe, qualità e di una creatività mirata e consapevole, divenuta ormai nota e riconoscibile al suo grande pubblico e non solo.
Le sue stesse passioni lo hanno guidato a diventare autore di otto pubblicazioni e docente per istituti pubblici e privati, così come le sue doti artistiche lo hanno portato a viaggiare tra i più celebri set cinematografici per rievocare banchetti storici e scenari gastronomici (da "Mission Impossible 3" a "Mangia, prega, ama" e "To Rome with love" di Woody Allen, per citarne solo alcuni). La sua filosofia a tavola, nel lavoro e nella vita si riassume nell’attenzione verso le “buone cose”, in una logica in cui l’essenziale è visibile agli occhi di chi vive la cucina non come fine ma come mezzo per trasmettere emozioni e tramandare storia e cultura.

Fautore del trascrivere il "sapore" della mente, ha al suo attivo alcuni libri tra cui "Alchimia dei sapori" (La volpe e l’uva editore, 2002), "La mia cucina, semplice, rapida e salutare" (Newton-Compton Editore, 2003), "Note di gusto" (Cucina & Vini Editrice, 2009), "Il mattino ha l'oro in bocca" (Autentica Edizioni, 2012), "Elogio del peperoncino" (Autentica Edizioni, 2013), e "Bergamotto.0" (Iiriti Editore, 2014).

Tra i riconoscimenti ricevuti: Premio per la cucina etica (2014), Maestro di Cucina ad Honorem (2006), Premio Caterina de’ Medici, per la sezione gastronomia (2014), Premio alla Letteratura Gastronomica Maria Gallaccio (2004), Stella della Ristorazione (2008), Pergamena d’Onore Leone d’Oro per meriti professionali imprenditoriali (2018).

http://www.fabiocampoli.it/

LA RICETTA DEI BUCATINI ALL'AMATRICIANA di FABIO CAMPOLI

Ingredienti per 4 persone:
Bucatini, 320 g
Guanciale, 200 g
Cipolla, ½
Vino bianco, 100 ml
Pomodori pelati passati, 500 ml
Peperoncino in polvere, ½ cucchiaino
Pecorino Romano grattugiato, 60 g
Sale

Preparazione
Per prima cosa, rimuovete la cotenna dal guanciale e tagliatelo a striscioline da 1 cm di spessore.
Trasferite il guanciale in un pentolino e copritelo con metà del vino bianco. Portatelo sul fuoco a fiamma bassa avendo cura di coprire il guanciale con un coperchio.
Lasciate cuocere fin quando il vino non sarà evaporato e il guanciale inizierà man mano a rosolare.
Aggiungete quindi al guanciale la cipolla tagliata in grosse falde: non la mangeremo, ma servirà da aromatizzante per il guanciale stesso.
Quindi bagnate il guanciale con il rimanente vino bianco, lasciate nuovamente evaporare affinché il guanciale diventi croccante.
Poi spostate il pentolino dal fuoco e lasciate riposare.
A parte, riponete in una casseruola i pomodori pelati passati, e aggiungetevi il peperoncino in polvere e un pizzico di sale.
Mescolate bene e portate in cottura sul fuoco basso con un coperchio.
Dopo 5 minuti dal bollore della salsa, aggiungete il guanciale croccante con le falde di cipolla e lasciate insaporire per ancora 15 minuti sul fuoco.
Al momento di servire, scaldate abbondante acqua salata all’interno di una pentola.
Una volta giunta al bollore, cuocetevi all’interno i bucatini.
Nel frattempo, trasferite la salsa amatriciana in una padella capiente, rimuovendo le falde di cipolla.
Quando la pasta sarà cotta al dente, scolatela bene, poi unitela nella salsa amatriciana calda in padella e lasciatela insaporire per un minuto sul fuoco, mescolando di tanto in tanto.
Infine, spostate dal fuoco, e cospargete la superficie della pasta in padella con il pecorino grattugiato.
Coprite con un coperchio e lasciate riposare per un paio di minuti.
In questo modo, il formaggio fonderà al meglio sfruttando l’azione del vapore.
Servite i bucatini all’amatriciana in piatti di servizio ben caldi, cospargendola con ancora un po' di pecorino grattugiato in superficie.

E la tradizione romana è servita!

Informazioni

Data: Da Lun 20 Lug 2020 a Dom 26 Lug 2020

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


1685