Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Esposizione 'Creare mondi' di Enzo De Leonibus e Banda Triac

Data:

20/01/2017


Esposizione 'Creare mondi' di Enzo De Leonibus e Banda Triac

Esposizione 'Creare mondi' di Enzo De Leonibus e Banda Triac. Curatrice Antonia Gaeta.

La mostra CREARE MONDI unisce esperienze e competenze diverse, provenienti da ambiti affini ma distinti: le arti visive e la musica sperimentale. Il tratto comune è il riflesso di una poetica “espansa”, che si estende oltre i limiti cognitivi e tematizza un tipo di fruizione multisensoriale, dinamica, attiva.

Enzo De Leonibus lavorerà su un’installazione in progress. Gli elementi fondanti ruoteranno intorno ad alcune opere molto significative della sua più recente produzione, come per esempio l’Equilibrista. Ma non solo. Saranno sviluppati anche i temi cari alla sua ricerca: il viaggio, l’aria e la città-territorio. Quest’ultima idea, nata proprio dalla sede che ospita la mostra, sarà articolata come una sorta di utopia percorribile - modello urbano possibile ma improbabile - attraverso l’assemblaggio nello spazio espositivo dei plastici realizzati dai locali studenti di Architettura.

Questa sala dialogherà con L’Opera “blossoming 2016” ambiente audio video del gruppo musicale Triac.

Il video mostra un movimento astratto di spore di fiori che si evolve lentamente e culmina nella loro fioritura.

Un lento movimento atmosferico di dialoghi sonori dal vivo con il processo graduale delle immagini. L'opera audiovisiva apre i sensi a un'esperienza del processo di emergere e apparire.

ENZO DE LEONIBUS

Nel 1983 inizia la sua attività di artista, dal 2000 a tutt’oggi è direttore artistico del Museo Laboratorio –ex manifattura tabacchi-, per l’arte contemporanea di Città Sant’Angelo.

Nel 2010 fonda con Bruna Esposito, Franco Fiorillo ed Emanuela Barbi “Neola Onlus”

Principali mostre personali:

1983 – Galleria C. Manzo, Milano; 1984 – Studio Oggetto, Caserta; 1986 – Galleria C. Manzo, Pescara; 1989 – “lavori 1987-89”, Galleria C. Manzo, Pescara; 1992 – “per poi tornare a navigare” Galleria Extra, spazio P. Pascali – Polignano a Mare (BA); 1993 – “tra duemila anni così doveva essere” Galleria C. Manzo, Pescara; 1994 – Galleria Studio Legale, Caserta; Galleria Arts' Events, Torrecuso Benevento; 1999 – Università Bocconi – a cura M.Giordani Milano; 1999 - “Dono”, Baghdad – Iraq; 2011 – “ Il corpo delle parole” Istituto italiano di cultura – Strasburgo; 2013 - “una Verità Superiore” Palazzo Lucarini Contemporary; 2015 “Necessità di vista” Museo Vittoria Colonna, Pescara; 2016 - “Itaca” a cura di Maurizio Coccia e João Silvério - Istituto Italiano di Cultura - Lisbona.

Principali mostre collettive:

1986 - “Presenze” a cura di G. Di Pietrantonio, Galleria C. Manzo – Pescara; 1987 - “Alternative Attuali / Abruzzo 87” a cura di E. Crispoldi - L’Aquila;

1989 - “Efruti”, Regensburg - Germania;

1991 - “ A sud Dell’Arte”, a cura di A. Bonito Oliva – Bari;

1992 - “Grandi Opere” a Cura di A. Bonito Oliva, Galleria C. Manzo –Pescara; 1993 - “Thalatta Thalatta “a cura di A. Bonito Oliva, Galleria Civica d’Arte Contemporanea – Termoli; 1994 - “Ars Lux” mostra itinerante, a cura di G. Di Pietrantonio, Coor. S. Grandi; 1995 - “XXVIII Premio Vasto - dall’ Arte Povera al Post Moderno”,a cura di F. De Santi, Vasto; 1995 - “Fuori Uso 95” Caravanserraglio Arte Contemporanea, a cura di G. Di Pietrantonio - Pescara; 1995 - “Titanica” Simbologia del Contemporaneo a cura di V. Coen, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea - Repubblica di S.Marino; 1995 - “Furor Populi Furor Populi” Monti Associazione Culturale – Roma; 1996 - Fuori uso ’96 “Sotto pioggia sotto vento” testi di L. Cherubini e G. R. Manzoni - Pescara; 1996 – “italian Contemporany Prints” Kaohsiung Museum of fine Arts – Taiwan; 1996 - XII Quadriennale Nazionale d’Arte Di Roma “Ultime Generazioni” - Roma; 1997 - “Giardini Sonori” a cura di P. Balmas – Ferrara; 1997 - “Giardini Sonori” a cura di P. Balmas – Ferrara;

2005 - “Infinito” - Andrea Morein, Bruna Esposito, Enzo De Leonibus - Museolaboratorio d’arte contemporanea – Città Sant’Angelo; 2005 - “Abruzzo index” a cura di A. Rosica e M. Scuderi, ex Cofa – Pescara; 2007 - “ .. il lento procedere del vaporetto attraverso la notte era come il passaggio di un pensiero coerente attraverso il subconscio” – a cura di Andrea Morein - Gall. Rachel Haferkamp - Colonia; 2007 – “Il corpo delle parole” - Istituto italiano di cultura – Strasburgo; 2014 – “una verità superiore” a cura di M. Coccia, Palazzo Lucarini Contemporary – Trevi (PG); 2016 - “Avviso di Garanzia” -fuori uso 2016 - a cura di Giacinto Di Pietrantonio e Simone Ciglia- Pescara.

con Neola-

2010 - con Neola - “ After” Festa nazionale della cultura a l’Aquila, a cura di Patrizia Ferri; 2010 - Premio Terna 03 – tempio di Adriano Roma; 2010 - La nuova Pesa - Roma; 2011 - Passato/Presente Dialoghi D’Abruzzo, CIAC Castello Colonna - Genazzano; 2011 - “Terre Vulnerabili” a cura di Chiara Bertola –Fondazione Hangarbicocca- Milano

TRIAC

Triac è un trio italiano di musica elettronica e installazioni audiovisive, formatosi alla fine del 2011. Lo compongono Rossano Polidoro, Marco Seracini e Augusto Tatone.

Alla base della loro ricerca c’è la creazione di installazioni artistiche audiovisive che mediano i rapporti tra ambiente, spazio sonoro, elementi naturali.

Triac ha pubblicato 3 album, in a room, per l’etichetta Laminal (Mosca 2014) e days, here, prodotto da Richard Chartier, lineimprint (Los Angeles 2015), le loro musiche sono state trasmesse da BBC 3, Radio Rai 3, durante la trasmissione Battiti, e radio wnyu (New York).

www.triac-act.com

 

Visitabile dal 20 gennaio al 21 aprile

dal lunedì al venerdì dalle 14.00 alle 18.00

https://www.facebook.com/colegio.dasartes/?fref=ts

 

 

Informazioni

Data: Da Ven 20 Gen 2017 a Ven 21 Apr 2017

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Lisbona

In collaborazione con : Colégio das Artes da Universidade de Coimbra

Ingresso : Libero


Luogo:

Colégio das Artes, Universidade de Coimbra - Coimbra

1191